Assegno divorzile: necessaria la comparazione di tutti gli elementi positivi e negativi in caso di richiesta di revisione

Il giudice in sede di decisione sulla richiesta di revisione in aumento dell’assegno di divorzio deve verificare un oggettivo mutamento delle condizioni poste alla base dell’originario provvedimento, comparando tutti gli elementi positivi e negativi ricorrenti nella singola fattispecie. Questo è quanto emerge dalla sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 3246 del 9 febbraio 2018.

La vicenda nasce dalla richiesta di revisione in melius dell’assegno divorzile avanzata da una donna nei confronti dell’ex coniuge, in ragione del mutamento delle proprie condizioni rispetto a quando le era stato concesso detto assegno. La Corte di Appello di Palermo aveva accolto la domanda disponendo un aumento della misura dell’assegno da 600,00 ad 800,00 euro. La Cassazione ha poi ulteriormente aumentato l’assegno ad euro 1.300,00 ritenendo maggiormente rilevanti gli elementi negativi, portati in evidenza in corso di giudizio – ovvero la “non più giovane età” (oltre cinquant’anni) della ex moglie e l’”incremento” della famiglia di quest’ultima – rispetto alla potenziale capacità della stessa di percepire futuri redditi.

E’ evidente che nel caso di specie gli “ermellini”, partendo dal principio di solidarietà post-coniugale su cui si fonda l’assegno divorzile, hanno ritenuto valida la domanda di revisione in aumento del predetto assegno in considerazione del peggioramento delle condizioni di vita del coniuge beneficiario.

Tale diritto, legato alla natura assistenziale dell’assegno di divorzio, nascerebbe infatti dal semplice fatto di essere stati sposati; perciò, se è pur vero che i doveri matrimoniali cessano con lo scioglimento del matrimonio, è altresì vero che permane, anche dopo la cessazione degli effetti civili del matrimonio, il dovere giuridico degli ex coniugi di prestarsi reciproca assistenza.

Non bisogna dimenticare, tuttavia, che secondo un recente orientamento espresso proprio dalla Corte di Cassazione, il diritto all’assegno divorzile è ora legato al criterio della non autosufficienza economica del coniuge più debole, ritenendosi non più attuale, nell’ambito dei mutamenti economico-sociali, il riferimento alla continuazione del tenore di vita goduto durante il matrimonio. Pertanto, anche alla luce di tale ulteriore approdo giurisprudenziale, il giudice dovrà accertare, caso per caso, l’esistenza del diritto a percepire l’assegno di divorzio, verificando l’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente e l’impossibilità del medesimo coniuge di procurarsi “mezzi adeguati”.

About Avv. Ilaria Dolores Lupi 58 Articles
Avv. Ilaria Dolores Lupi. Avvocato del Foro di Cosenza, dopo la laurea in giurisprudenza, consegue con il massimo dei voti e con lode, un master di secondo livello in Diritto del Lavoro Sindacale e della Sicurezza Sociale presso l’Università degli Studi Europea di Roma. Successivamente consegue un master in Ordinamento e Funzionamento delle Pubbliche Amministrazioni presso l’Università della Calabria UNICAL, anche in questo caso con il massimo dei voti e con lode. Svolge, tra le altre cose, attività di consulenza e rappresentanza per enti pubblici e società avendo acquisito esperienza nella gestione del contenzioso tributario, ma anche nel diritto amministrativo e del lavoro. Attualmente svolge, inoltre, attività di ricerca e studio in collaborazione con Associazioni culturali e riviste giuridiche.
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi