Avvocati: nuove norme in tema di illecito disciplinare ed obbligo di informazione

Entrano in vigore in data odierna le modifiche degli articoli 20 e 27 del Codice Deontologico Forense.

Le novità introdotte con la Delibera di modifica del Consiglio Nazionale Forense, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 13 aprile scorso, riguardano nello specifico la responsabilità dell’avvocato (art. 20) ed il dovere di informazione di quest’ultimo (art. 27).

In particolare, con la modifica dell’art. 20 viene il rilievo il cd. principio della “tipicità tendenziale” dell’illecito disciplinare con esplicito riferimento a quei comportamenti non tassativamente stabiliti dal Codice.

Il nuovo art. 20 prevede infatti che:

  1. La violazione dei doveri e delle regole di condotta di cui ai precedenti articoli e comunque le infrazioni ai doveri e alle regole di condotta imposti dalla legge o dalla deontologia costituiscono illeciti disciplinari ai sensi dell’art. 51, comma 1, della legge 31 dicembre 2012, n. 247.
  2. Tali violazioni, ove riconducibili alle ipotesi tipizzate ai titoli II, III, IV, V e VI del presente codice, comportano l’applicazione delle sanzioni ivi espressamente previste; ove non riconducibili a tali ipotesi comportano l’applicazione delle sanzioni disciplinari di cui agli articoli 52 lettera c) e 53 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, da individuarsi e da determinarsi, quanto alla loro entità, sulla base dei criteri di cui agli articoli 21 e 22 di questo codice.

In altri termini, vista l’impossibilità oggettiva di tipizzare comportamenti illeciti, in ragione dell’illimitata e variegata casistica, è stato stabilito che l’illecito disciplinare, ove non tipizzato, debba essere riscostruito applicando le norme primarie e secondarie dell’ordinamento forense, ciò a garanzia del pieno rispetto dei doveri fondamentali, quali quello di probità, dignità, decoro, lealtà e correttezza, ai quali l’avvocato deve improntare la propria attività.

Quanto poi all’art. 27 del nuovo codice deontologico è stato ribadito in maniera più incisiva l’obbligo di ogni avvocato di informare la parte assistita chiaramente e per iscritto della possibilità di avvalersi dei procedimenti di mediazione e di negoziazione.

In concreto, si è ritenuto di dover integrare il terzo comma dell’art. 27 con un riferimento specifico alla procedura di negoziazione assistita, in considerazione della rilevanza di tale procedura e del ruolo fondamentale assunto dall’avvocato in tale ambito.

About Avv. Ilaria Dolores Lupi 51 Articles
Avv. Ilaria Dolores Lupi. Avvocato del Foro di Cosenza, dopo la laurea in giurisprudenza, consegue con il massimo dei voti e con lode, un master di secondo livello in Diritto del Lavoro Sindacale e della Sicurezza Sociale presso l’Università degli Studi Europea di Roma. Successivamente consegue un master in Ordinamento e Funzionamento delle Pubbliche Amministrazioni presso l’Università della Calabria UNICAL, anche in questo caso con il massimo dei voti e con lode. Svolge, tra le altre cose, attività di consulenza e rappresentanza per enti pubblici e società avendo acquisito esperienza nella gestione del contenzioso tributario, ma anche nel diritto amministrativo e del lavoro. Attualmente svolge, inoltre, attività di ricerca e studio in collaborazione con Associazioni culturali e riviste giuridiche.
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi