BOLLETTE “PAZZE”? SPETTA ALLA SOCIETA’ FORNITRICE OFFRIRE LA PROVA DEL REGOLARE FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI.

“Mancando la prova della corretta funzionalità del contatore deve essere dichiarata nulla la pretesa di pagamento avanzata dalla società Eni in forza della fattura contestata”. Questo è quanto stabilito dal Giudice di Pace di Paola con sentenza n. 323/2016. Nella vicenda in esame, la società Eni era stata citata dal sig. T. L. innanzi al Giudice di Pace di Paola per ottenere l’annullamento di una fattura per l’importo di euro 3.599,47 recante un consumo bimestrale palesemente  esorbitante rispetto ai consumi medi annui rilevati, imputando tale sovrafatturazione ad un probabile malfunzionamento temporaneo del contatore.

La società si costituiva in giudizio confermando la correttezza degli importi fatturati senza però fornire prova del perfetto funzionamento del suddetto impianto di misurazione. Nel corso del Giudizio è emerso, tra l’altro, che il consumo recato nella fattura contestata appariva palesemente non conforme al consumo annuale dell’utente e che la verifica metrica del contatore effettuata dalla società all’epoca dei fatti nulla diceva in merito alla correttezza della misurazione dei consumi.

In ragione di ciò il Giudice in accoglimento della domanda avanzata dal sig. T. L., dichiarava non dovuta la somma pretesa dalla società, con riferimento alla bolletta contestata richiamando un principio giurisprudenziale granitico secondo cui è onere del somministratore fornire, in caso di contestazione, la prova del  regolare funzionamento degli impianti. Una pronuncia non affatto scontata che fornisce numerosi spunti di riflessione ai consumatori poco avveduti troppo spesso vittime inconsapevoli dei disservizi legati al sistema di fatturazione dei consumi.

About Avv. Ilaria Dolores Lupi 56 Articles
Avv. Ilaria Dolores Lupi. Avvocato del Foro di Cosenza, dopo la laurea in giurisprudenza, consegue con il massimo dei voti e con lode, un master di secondo livello in Diritto del Lavoro Sindacale e della Sicurezza Sociale presso l’Università degli Studi Europea di Roma. Successivamente consegue un master in Ordinamento e Funzionamento delle Pubbliche Amministrazioni presso l’Università della Calabria UNICAL, anche in questo caso con il massimo dei voti e con lode. Svolge, tra le altre cose, attività di consulenza e rappresentanza per enti pubblici e società avendo acquisito esperienza nella gestione del contenzioso tributario, ma anche nel diritto amministrativo e del lavoro. Attualmente svolge, inoltre, attività di ricerca e studio in collaborazione con Associazioni culturali e riviste giuridiche.
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi