Facebook: il Tribunale di Mantova vieta la pubblicazione delle foto dei propri figli sui social network se non vi è il consenso dell’altro genitore

Il Tribunale di Mantova, con una recente sentenza del settembre scorso, ha affrontato, in maniera seria e puntuale, la delicata questione relativa alla legittimità della pubblicazione delle foto dei figli minori sui social network, avendo riconosciuto un forte pregiudizio insito nella diffusione dell’immagine di un minore mediante i predetti strumenti di comunicazione.

La questione è stata sollevata dal papà di due bambini (la prima di tre anni e mezzo e il secondo di uno e mezzo) il quale aveva espressamente chiesto al giudice la modifica delle condizioni regolanti i rapporti genitori/figli alla stregua di supposti gravi comportamenti diseducativi posti in essere dalla madre.

Nel ricorso l’uomo aveva in particolare sottolineato il fatto che la donna, alla quale erano stati affidati i due figli, si era sottratta all’obbligo precedentemente assunto di non pubblicare le loro foto sul web e di rimuovere quelle già postate.

Il Tribunale, chiamato a pronunciarsi su tale questione, ha ribadito, alla luce della normativa concernente la tutela dell’immagine e della riservatezza dei dati personali, il carattere altamente pregiudizievole della pubblicazione dell’immagine dei minori, in quanto ciò determina la diffusione delle immagini fra un numero indeterminato di persone, conosciute e non, le quali possono essere malintenzionate e avvicinarsi ai bambini dopo averli visti più volte in foto on-line, non potendo inoltre andare sottaciuto l’ulteriore pericolo costituito dalla condotta di soggetti che “taggano” le foto on-line dei minori e, con procedimenti di fotomontaggio, ne traggono materiale pedopornografico da far circolare fra gli interessati, come ripetutamente evidenziato dagli organi di polizia.

Ma v’è di più! Il giudice adito, nel richiamare anche la Convenzione sui diritti del fanciullo siglata a New York nel 1989 e l’ulteriore normativa di tutela dei minori contenuta nel regolamento Ue del 27 aprile 2016, che entrerà in vigore il 25 maggio 2018, ha finalmente chiarito, in maniera inequivocabile, che l’immagine fotografica dei figli costituisce dato personale e che la sua diffusione rappresenta un’illegittima interferenza nella loro vita privata.

About Avv. Ilaria Dolores Lupi 26 Articles
Avv. Ilaria Dolores Lupi. Avvocato del Foro di Cosenza, dopo la laurea in giurisprudenza, consegue con il massimo dei voti e con lode, un master di secondo livello in Diritto del Lavoro Sindacale e della Sicurezza Sociale presso l’Università degli Studi Europea di Roma. Successivamente consegue un master in Ordinamento e Funzionamento delle Pubbliche Amministrazioni presso l’Università della Calabria UNICAL, anche in questo caso con il massimo dei voti e con lode. Svolge, tra le altre cose, attività di consulenza e rappresentanza per enti pubblici e società avendo acquisito esperienza nella gestione del contenzioso tributario, ma anche nel diritto amministrativo e del lavoro. Attualmente svolge, inoltre, attività di ricerca e studio in collaborazione con Associazioni culturali e riviste giuridiche.
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi