Fermo fiscale, il bollo auto è dovuto

Il bollo auto è dovuto anche in caso di fermo fiscale. Lo ha stabilito la Consulta con l’ordinanza n. 192 del 2018, con la quale ha dichiarato la manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale dell’art. 8-quater, comma 4, della legge della Regione Toscana 22 settembre 2003, n. 49, nella parte in cui prevede che la sottoposizione del veicolo alle ganasce fiscali non costituisce causa di interruzione o sospensione dell’obbligo di pagare il bollo auto, poiché attraverso tale tipo di fermo il titolare non perde la disponibilità del mezzo. La Corte ha infatti chiarito che vi è una sostanziale differenza tra il fermo amministrativo – a cui è correlata l’esenzione del pagamento del tributo – ed il fermo fiscale inteso come misura di garanzia del credito di enti pubblici. Mentre infatti il fermo amministrativo viene disposto come misura accessoria per le gravi violazioni di norme del codice della strada, il fermo fiscale è una misura cautelativa provvisoria che non comporta la sottrazione del veicolo alla disponibilità del proprietario. Partendo da tale presupposto, il Giudice delle leggi ha stabilito che l’esclusione della sospensione dell’obbligo di pagamento della tassa automobilistica nel periodo di fermo della vettura disposto dall’agente della riscossione – quale propriamente prevista dal censurato art. 8-quater della L.R. Toscana n. 49 del 2003 – “non si pone, dunque, in contrasto con la esenzione dal tributo (nella diversa ipotesi di fermo disposto dall’autorità amministrativa o da quella giudiziaria) prevista, in via di eccezione, dal D.L. n. 953 del 1982, e rientra, invece, nella regola – innovativamente introdotta dallo stesso – che vuole quel tributo correlato non più alla circolazione, ma alla proprietà del mezzo” (sentenza n. 47 del 2017) ovvero, comunque, alla ricorrenza di un titolo equipollente, idoneo a legittimare il possesso del veicolo (usufrutto, leasing, acquisto con patto di riservato dominio).

About Avv. Ilaria Dolores Lupi 58 Articles
Avv. Ilaria Dolores Lupi. Avvocato del Foro di Cosenza, dopo la laurea in giurisprudenza, consegue con il massimo dei voti e con lode, un master di secondo livello in Diritto del Lavoro Sindacale e della Sicurezza Sociale presso l’Università degli Studi Europea di Roma. Successivamente consegue un master in Ordinamento e Funzionamento delle Pubbliche Amministrazioni presso l’Università della Calabria UNICAL, anche in questo caso con il massimo dei voti e con lode. Svolge, tra le altre cose, attività di consulenza e rappresentanza per enti pubblici e società avendo acquisito esperienza nella gestione del contenzioso tributario, ma anche nel diritto amministrativo e del lavoro. Attualmente svolge, inoltre, attività di ricerca e studio in collaborazione con Associazioni culturali e riviste giuridiche.
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi