Lago, l’identità territoriale nella tradizione della Strina

Con la conclusione delle festività natalizie l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Vittorio Cupelli, è pronta a ripartire in vista delle prossime iniziative già fissate in agenda. L’esecutivo si prepara a dare seguito ad alcuni progetti che amplieranno la gamma dei servizi e delle opportunità a disposizione della cittadinanza. Un esempio tangibile di tale ragionamento è rappresentato dal servizio di connessione wi-fi gratuito, al momento disponibile nelle ore pomeridiane dalla piazza antistante il municipio, ma che ben presto sarà esteso anche ad altre aree della città.

«Il nostro obiettivo – spiega il primo cittadino – è coniugare la nostra identità storica e culturale con le possibilità offerte dalle nuove tecnologie. È necessario far comprendere alle nuove generazioni che vivere in un comune collinare dalla felice posizione geografica, quale è appunto Lago, non è un ripiego, ma una splendida opportunità personale e professionale. Un’analisi che tiene conto di alcuni parametri dati troppo spesso per scontati, come l’aria pura e incontaminata ed un’enogastronomia di altissimo livello che coniuga nella sua essenza i paradigmi positivi della dieta mediterranea».

Sulla base di questo scenario, che vede agire in maniera sinergica passato e futuro, non si può non menzionare lo straordinario successo ottenuto dalle due serate dedicate al Festival della Strina Laghitana: un appuntamento fisso che suggella di fatto l’inizio del nuovo anno.

«La strina – spiega l’assessore al turismo Enzo Scanga – non può essere relegata ad una semplice espressione di forma artistica popolare. Dietro c’è una ricerca testuale complessa e articolata che sfocia nell’ironia e nella riflessione. Ed è difficile scorgere i confini di questi due elementi che ne caratterizzano il defluire. Grazie all’impegno degli appassionati e dell’ente municipale, la strina fa da sfondo ad un vero e proprio festival che raccoglie sempre più proseliti. Nella sua connotazione tipica la strina è una tradizione folkloristica calabrese. È una sorta di canto natalizio, o comunque beneagurante, che si effettua “a domicilio”. A Lago questa abitudine si è sempre adeguata ai tempi, riferendosi molte volte ai fatti o ai personaggi legati alla quotidianità ed all’attualità del paese. Un po’ come avviene con in maestri presepisti napoletani che, oltre alle figure tradizionali, inseriscono i vip odierni. Ad aggiudicarsi l’edizione 2016 del festival, una coppia di cantori formata da Pasqualino Socievole e Mario Sacco che si sono esibiti proponendo una parodia conflittuale tra un cittadino di Amantea (Pasqualino Socievole) e uno di Lago (Mario Sacco). Titolo dell’opera, della durata di una ventina di minuti, “Vacu Mantija”.

Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi