Condominio di fatto: il diritto al rimborso delle spese anticipate dal singolo è riconosciuto solo in caso di urgenza

Con una recentissima ordinanza datata 10 ottobre 2017 la Suprema Corte di Cassazione è ritornata sul tema delle spese condominiali sostenute autonomamente da singolo condomino gestore, precisando, ancora una volta, che la spesa sostenuta è rimborsabile “solo nel caso in cui abbia i requisiti dell’urgenza ai sensi dell’art. 1134 c.c.”.

La fattispecie riguarda un Istituto di Credito, il quale aveva agito in giudizio per ottenere il pagamento della somma pari ad euro 3.000,00, oltre accessori, a titolo di ripetizione della quota di partecipazione agli oneri condominiali di un edificio. A sostegno delle proprie ragioni l’Istituto precisava che, non essendosi ancora concretamente formato alcun “condominio”, doveva essere applicato al caso di specie l’art. 1110 del codice civile che, in regime  di comunione, riconosce il diritto al rimborso delle spese sostenute dal singolo in caso di trascuranza degli altri partecipanti o dell’amministratore.  La questione è giunta al vaglio della Suprema Corte la quale, nel rigettare il ricorso ha innanzitutto precisato, conformandosi ai precedenti giurisprudenziali di legittimità, che, ai fini della costituzione del condominio, non è necessaria una manifestazione di volontà dei partecipanti, in quanto il condominio edilizio si ha per costituito nel momento stesso in cui l’originario unico proprietario opera il frazionamento della proprietà di un edificio, trasferendo una o alcune unità immobiliari ad altri soggetti. Da tale precisazione, di non poco conto, deriva l’applicabilità al caso in esame dell’art. 1134 c.c. che attribuisce il diritto al rimborso della spesa autonomamente sostenuta dal singolo solo nel caso in cui tale spesa abbia i requisiti dell’urgenza.

In buona sostanza, ai fini del rimborso, le spese anticipate dal singolo devono risultare indispensabili onde evitare un possibile pregiudizio a sé, a terzi od alla cosa comune, e devono essere essere eseguite senza ritardo e senza possibilità di avvertire tempestivamente l’amministratore o gli altri condomini.

Tale pronuncia è degna di nota, non soltanto perchè chiarisce in maniera inequivocabile il concetto di “urgenza”, ma anche e soprattutto perchè elimina ogni dubbio in ordine all’applicabilità al condominio costituitosi ex facto della relativa disciplina codicistica.

About Avv. Ilaria Dolores Lupi 56 Articles
Avv. Ilaria Dolores Lupi. Avvocato del Foro di Cosenza, dopo la laurea in giurisprudenza, consegue con il massimo dei voti e con lode, un master di secondo livello in Diritto del Lavoro Sindacale e della Sicurezza Sociale presso l’Università degli Studi Europea di Roma. Successivamente consegue un master in Ordinamento e Funzionamento delle Pubbliche Amministrazioni presso l’Università della Calabria UNICAL, anche in questo caso con il massimo dei voti e con lode. Svolge, tra le altre cose, attività di consulenza e rappresentanza per enti pubblici e società avendo acquisito esperienza nella gestione del contenzioso tributario, ma anche nel diritto amministrativo e del lavoro. Attualmente svolge, inoltre, attività di ricerca e studio in collaborazione con Associazioni culturali e riviste giuridiche.
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi