Rottamazione delle cartelle Equitalia. Via libera del Senato.

Nella seduta di ieri, 24 novembre, l’Assemblea ha definitivamente approvato il disegno di legge di “conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 22 ottobre 2016, n. 193, recante disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili” (Atto Senato n. 2595 – XVII Legislatura).

Una delle misure più incisive riguarda proprio la cd. “rottamazione” delle cartelle di Equitalia che consentirà ai contribuenti di pagare le somme dovute senza sanzioni ed interessi di mora. In particolare, un’importante novità riguarda l’ampliamento di tale misura che si estende anche alle cartelle notificate nel 2016.

In buona sostanza  la riforma fiscale prevede che i contribuenti che abbiano ricevuto cartelle esattoriali dal 2000 al 2016 emesse da Regioni, Province, Comuni, Città metropolitane, potranno aderire alla definizione agevolata secondo le modalità descritte e scegliere di pagare a rate nei seguenti termini:

1) il pagamento dovrà avvenire in 5 rate (e non più solo quattro), a luglio, settembre e novembre del 2017 e ad aprile e settembre del 2018;

2) i versamenti delle rate del 2017 dovranno coprire il 70% della somma dovuta.

Il nuovo termine per la presentazione dell’istanza di adesione è fissato per il 31 marzo 2017 (non più  il 23 gennaio). Ai fini della “definizione agevolata”, il contribuente dovrà infatti manifestare entro tale data la volontà di avvalersi di tale misura rendendo apposita dichiarazione mediante la modulistica messa a disposizione dall’agente della riscossione, con l’impegno a rinunciare ad eventuali giudizi pendenti.

Confermata, infine, per l’1 luglio 2017 la chiusura di Equitalia, mentre l’attività di riscossione dei tributi sarà svolta dalla nuova Agenzia delle Entrate-Riscossione controllata dall’Agenzia delle Entrate e subordinata alla vigilanza del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

About Avv. Ilaria Dolores Lupi 57 Articles
Avv. Ilaria Dolores Lupi. Avvocato del Foro di Cosenza, dopo la laurea in giurisprudenza, consegue con il massimo dei voti e con lode, un master di secondo livello in Diritto del Lavoro Sindacale e della Sicurezza Sociale presso l’Università degli Studi Europea di Roma. Successivamente consegue un master in Ordinamento e Funzionamento delle Pubbliche Amministrazioni presso l’Università della Calabria UNICAL, anche in questo caso con il massimo dei voti e con lode. Svolge, tra le altre cose, attività di consulenza e rappresentanza per enti pubblici e società avendo acquisito esperienza nella gestione del contenzioso tributario, ma anche nel diritto amministrativo e del lavoro. Attualmente svolge, inoltre, attività di ricerca e studio in collaborazione con Associazioni culturali e riviste giuridiche.
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi