La Cassazione riconosce il danno da perdita del rapporto parentale anche in assenza del vincolo di consanguineità.

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 20835 dello scorso agosto, ha riconosciuto l’esistenza del danno da lesione del rapporto parentale in qualsiasi legame avente le caratteristiche di una relazione affettiva stabile, indipendentemente dal vincolo di consanguineità ed anche quando la lesione del predetto rapporto sia stata determinata da un evento diverso dalla morte.

La pronuncia trae origine da un’azione avanzata contro un’Azienda Ospedaliera da una donna al fine di ottenere il risarcimento dei danni subiti dal figlio a seguito di un’errata esecuzione del DNA che aveva accertato la paternità di un uomo diverso dal vero padre.

In particolare, la ricorrente ha adito la Suprema Corte per  contestare la sentenza della Corte d’appello di Milano che, pur riconoscendo il legame affettivo tra il bambino ed il presunto padre, aveva negato il diritto al risarcimento per il fatto che quest’ultimo, ancora vivente, non fosse legato al minore da un rapporto di sangue.

Gli “ermellini”, nel dirimere la controversia, hanno ripreso un principio più volte affermato secondo il quale: il danno conseguente alla lesione del rapporto parentale (e non soltanto alla sua perdita) deve essere riconosciuto in relazione a qualsiasi tipo di rapporto che abbia le caratteristiche di una stabile relazione affettiva, indipendentemente dalla circostanza che il rapporto sia intrattenuto con un parente di sangue o con un soggetto che non sia legato da un vincolo di consanguineità naturale, ma che ha con il danneggiato analoga relazione di affetto, di consuetudine di vita e di abitudini, e che infonda nel danneggiato quel sentimento di protezione e di sicurezza insito, riferendosi alla presente fattispecie, nel rapporto padre figlio.

About Avv. Ilaria Dolores Lupi 54 Articles
Avv. Ilaria Dolores Lupi. Avvocato del Foro di Cosenza, dopo la laurea in giurisprudenza, consegue con il massimo dei voti e con lode, un master di secondo livello in Diritto del Lavoro Sindacale e della Sicurezza Sociale presso l’Università degli Studi Europea di Roma. Successivamente consegue un master in Ordinamento e Funzionamento delle Pubbliche Amministrazioni presso l’Università della Calabria UNICAL, anche in questo caso con il massimo dei voti e con lode. Svolge, tra le altre cose, attività di consulenza e rappresentanza per enti pubblici e società avendo acquisito esperienza nella gestione del contenzioso tributario, ma anche nel diritto amministrativo e del lavoro. Attualmente svolge, inoltre, attività di ricerca e studio in collaborazione con Associazioni culturali e riviste giuridiche.
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi