La GDD FASHION WEEK si prepara alla terza preview

Il Museo MACRO di Roma ha accolto nel suo  incantevole scenario futuristico la preview numero due dell’evento di moda GDD Fashion Week che ha registrato il successo di Giusy di Bartolo. La giovane fashion designer ha convinto la giuria puntando sulla sartorialità e questo successo le consente di accedere direttamente alla fase finale del contest senza passare dalle selezioni (come già avvenuto in aprile per Rossana Pane).

Ancora una volta il Macro, il Museo di arte contemporanea di Roma, ha fatto da cornice perfetta ad  un evento cha ha saputo coniugare le giuste dosi di eleganza e ricerca. A rendere il tutto più affascinante l’immensa bellezza di Daniela Fazzolari e Sara Santostasi: per loro un ritorno alla GDD Fashion Week. Entrambe, infatti, hanno avuto modo di entrare in contatto con il contest nel recente passato e in questa sede hanno voluto testimoniare la crescita artistica e organizzativa che ha preso oramai forma e sostanza.

Presenti anche l’attuale Prefetto di Livorno Gianfranco Tomao che ha sottolineato i valori alla base del progetto, e Fulvia Strano dirigente dei musei capitolini, pronti ad accogliere la kermesse nel prossimo futuro. Quattro le collezioni dei designer ospiti: Stefano Montarone, il brand Ro’ skinwear, Ina Bordonaro ed i gioielli contemporanei di Emanuela Greco. Ognuno di loro ha mostrato un concetto di moda diverso e personale, tra sperimentazione, originalità, innovazione e cura dei dettagli.

Cinque gli stilisti in gara: oltre alla già citata Giusy Di Bartolo, si sono confrontate sulla passerella Federica Maggini, Iole Trombetta, Lara Compagnoni e Chiara Simeoni. Ma per chi non si è accomodato sulla sedia del vincitore la competizione prosegue. La GDD Fashion Week, infatti, ha siglato un accordo di collaborazione con Never Tee Stop che prevede, a conclusione dell’ultima preview di scegliere un concorrente e finanziare una capsule in linea con il tema dell’evento.

I designer che parteciperanno alla GDD Fashion Week (il bando di partecipazione è disponibile sul sito www.gddfashionweek.it) gareggeranno non solo per la borsa di studio da 2mila euro e per il Premio della Stampa, decretato dal magazine “La mia Boutique”, ma anche per l’award NtS.

 

Adesso l’attenzione si sposta all’ultima preview: venerdì 24 maggio ore 19.00 Pastificio Cerere, sempre a Roma in Via degli Ausoni 7A. Qui si concluderà la prima fase della GDD Fashion Week che lascerà poi lo spazio alle selezioni per la fase finale. C’è ancora tempo per iscriversi. La scadenza del bando è stata prorogata al prossimo 27 maggio!

«Proseguiamo questo cammino – afferma il co-direttore artistico Ernesto Pastore – verso il mood che caratterizza l’edizione 2019: la strada. Intesa come materiali, colori, architetture, stili, ambienti, sensazioni, luci e non come tipologia contemporanea di abbigliamento: la strada come concezione di vita, di approccio alla quotidianità, come dinamismo e movimento. Del resto è questo il fine ultimo che inseguiamo: generare una factory creativa capace di unire in un percorso comune le diverse caratterizzazioni legate alla moda ed al made in Italy, per ottenere un vantaggio competitivo che fa la differenza.

Un grazie va rivolto alla crew della GDD, anima dell’evento ed energia pulsante: Viviana Lorelli, Martina Fucà, Erica Garritano, Settimio Martire, Laura Viola, Giulia Dedola, Yari Saccotelli, Eliseo Laurenza, Angelo Antonacci, Pietro Pappalettera, Antonio Reda, Irene di Salvo, Alice Sciotti, Daniele Cimaglia, Cristina Cannistraci, Andrea Santini, Gianluca Vicini, Gigi Porro, Siria Lepri, Valentina Michele, Arianna Filippini. E poi le modelle Chiara Vagnarelli, Silvia Pucci, Elena Gangemi, Consuelo Fusco, Adriana Papana, Andressa Barel, Ilaria Comparini, Yeodit Pace».

Be the first to comment

Leave a Reply