Separazione e mantenimento: nessun assegno alla moglie poco attiva nella ricerca di un lavoro

Con la recentissima ordinanza n. 6886/18 del 20 marzo u.s. la Suprema Corte di Cassazione è tornata a pronunciarsi su una tematica assai spinosa qual è il diritto all’assegno di mantenimento del coniuge separato, assumendo una posizione netta rispetto alle richieste economiche avanzate da una giovane donna disoccupata nei confronti del marito.

Già negli ultimi tempi abbiamo assistito ad una vera e propria rivoluzione “culturale” che ha portato a delle pronunce esemplari volte ad esaltare il principio di “autoresponsabilità” dei coniugi.

Ma con tale ultima pronuncia gli “ermellini” hanno inteso rivedere con maggiore severità i rapporti economici tra marito e moglie, in regime di separazione, affermando un principio inequivocabile secondo cui lo stato di disoccupazione del coniuge non giustifica l’attribuzione dell’assegno di mantenimento se non vi è prova di una condotta attiva per la ricerca di un’occupazione lavorativa.

Il divario tra le capacità economiche dei coniugi, pur riconosciuto in corso di causa, non è stato dunque un elemento sufficiente a riconoscere il diritto al mantenimento ed alla conservazione del tenore di vita matrimoniale. Ed infatti, nel caso di specie, la Corte ha posto sotto la propria lente d’ingrandimento altri elementi – quali la giovane età della donna, la mancanza di patologie invalidanti ed il tempo trascorso dalla data del deposito del ricorso per la separazione – caratterizzanti una condotta colpevole della richiedente e come tale non meritevole di tutela.

About Avv. Ilaria Dolores Lupi 51 Articles
Avv. Ilaria Dolores Lupi. Avvocato del Foro di Cosenza, dopo la laurea in giurisprudenza, consegue con il massimo dei voti e con lode, un master di secondo livello in Diritto del Lavoro Sindacale e della Sicurezza Sociale presso l’Università degli Studi Europea di Roma. Successivamente consegue un master in Ordinamento e Funzionamento delle Pubbliche Amministrazioni presso l’Università della Calabria UNICAL, anche in questo caso con il massimo dei voti e con lode. Svolge, tra le altre cose, attività di consulenza e rappresentanza per enti pubblici e società avendo acquisito esperienza nella gestione del contenzioso tributario, ma anche nel diritto amministrativo e del lavoro. Attualmente svolge, inoltre, attività di ricerca e studio in collaborazione con Associazioni culturali e riviste giuridiche.
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi